Personalità Paranoide (Cluster A)

Disturbi di personalità

I Disturbi di Personalità vengono raggruppati in tre Cluster (Insiemi):

  1. Cluster A: disturbi di personalità caratterizzati da condotte strane o eccentriche.
  2. Cluster B: comportamenti drammatici o eccentrici.
  3. Cluster C: condotte ansiose o inibite.

Personalità Paranoide (Cluster A)

Le persone con un disturbo di personalità paranoide risultano sospettose e diffidenti nei confronti degli altri. Sulla base di poche o nessuna prova, sospettano che gli altri siano intenzionati a danneggiarli e, generalmente, trovano motivazioni ostili o malevole diet
ro le azioni altrui. A causa di ciò, gli individui con personalità paranoie possono attuare condotte che essi ritengono giuste rappresaglie ma che le altre persone reputano eccessive o ingiustificate. Questo comportamento conduce spesso al rifiuto da parte delle altre persone: tale conseguenza viene generalmente presa a conferma della percezione iniziale di ostilità e malevolenza altrui. I soggetti con personalità paranoide risultano generalmente fredde e distanti nei rapporti sociali.
Questi individui intraprendono spesso azioni legali contro altre persone, soprattutto se si ritengono giustamente indignate. Generalmente non riconoscono il peso del proprio comportamento nelle genesi dei conflitti interpersonali nei quali si trovano di frequente implicati. Solitamente lavorano in condizioni di relativo isolamento sociale ma, nonostante ciò, possono essere altamente efficienti e coscienziosi.

Trattamento psicoterapeutico

Diagnosi

Uno specialista basa la diagnosi di disturbo di personalità sulla storia evolutiva della persona, ricercando modelli di pensiero e di comportamento ripetitivi e disadattivi. Queste regolarità tendono a diventare apparenti dal momento che la persona resiste tenacemente a cambiarle malgrado le loro conseguenze negative. Lo psicoterapeuta può anche interpellare le persone che interagiscono di solito con il paziente.

Trattamento

I sintomi di ansia e depressione e gli altri sintomi emotivi costituiscono il primo obiettivo del trattamento. La terapia farmacologica può essere spesso d’aiuto. I farmaci quali gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) possono ridurre sia la depressione che l’impulsività. I farmaci anticonvulsivi possono contribuire a ridurre gli accessi d’ira e le condotte impulsive. Il Risperidone si è rivelato utile sia con la depressione che con la depersonalizzazione caratterizzanti il disturbo borderline di personalità.
Tuttavia, la terapia farmacologica non interviene sulle caratteristiche di personalità. Poiché questi tratti si sviluppano nell’arco di molti anni, il trattamento delle caratteristiche disadattive di personalità richiede tempi prolungati. Raramente un trattamento di breve durata può curare un disturbo di personalità, anche se alcuni cambiamenti possono essere attuati più velocemente di altri. Per alcuni cambiamenti comportamento possono essere necessari pochi mesi o un anno; gli atteggiamenti interpersonali richiedono tempi più prolungati per essere modificati. Per esempio, relativamente al disturbo di personalità dipendente, un cambiamento comportamentale può consistere nel dichiarare in maniera più assertiva i propri sentimenti e desideri; il cambiamento interpersonale, invece, potrebbe consistere nell’assumersi alcune responsabilità in prima persona o nel realizzare attività autonome e senza il costante supporto di altre persone.
Anche se il trattamento differisce a secondo del tipo di disturbo di personalità, alcuni principi generali si applicano a tutti i trattamenti. Poiché le persone con un disturbo di personalità non ritengono che il proprio comportamento sia problematico, devono essere sistematicamente confrontate con le conseguenze negative dei loro pensieri e comportamenti disfunzionali. Per cui, il terapeuta deve segnalare ripetutamente le conseguenze indesiderabili del loro modo di funzionare utilizzando, quando possibile, gli episodi che si verificano nella relazione tra terapeuta e paziente. Non di rado risulta utile che il terapeuta fissi chiaramente ed esplicitamente i limiti nel rapporto terapeutico come ad esempio il fatto che non sono tollerate aggressioni verbali e urla come espressioni della rabbia. Tali frangenti costituiscono un’ottima occasione per aiutare il paziente a considerare l’impatto del proprio comportamento sugli altri, per insegnare condotte alternative più ad attive e per rimuovere, almeno nel rapporto terapeutico, i rinforzi che il soggetto è abituato a garantirsi tramite la condotta disfunzionali.
La partecipazione dei membri della famiglia al trattamento è spesso utile quando non essenziale perché questi, senza volerlo, possono comportarsi in modo tale da rinforzare i pensieri e i comportamenti problematici del paziente.
Si rivelano spesso utili nel contribuire a cambiare i comportamenti socialmente indesiderabili o disfunzionali la terapia familiare e di gruppo, come anche le terapie residenziali e i gruppi di auto-aiuto.
Lo psicoterapia individuale è generalmente la pietra angolare della maggior parte dei trattamenti. Nel contesto di un rapporto intimo e cooperativo il soggetto può comprendere le fonti delle proprie sofferenze (esperienze di apprendimento) e riconoscere i propri comportamenti disadattivi (manipolazione, scarsa empatia, arroganza, diffidenza, evitamento, ecc.).

ROME WORKSHOP ON EXPERIMENTAL PSYCHOPATHOLOGY 2015
Schema Therpay
Schema Therpay
TRAINING IN PSICOTERAPIA COGNITIVA
LA MINDFULNESS
LA MINDFULNESS
Eventi in evidenza
gen
31
sab
2015
ROMA, corso di Psicologia Giuridica: la valutazione delle competenze genitoriali (corso ECM)
ROMA, corso di Psicologia Giurid…
gen 31 – feb 22
Corso riservato a laureandi e dottori in Psicologia (con laurea di primo e secondo livello), Psicologi e Psicoterapeuti.   Il Corso rappresenta un percorso intensivo [...]
feb
20
ven
2015
Roma, 4° edizione Corso intensivo sulla Schema-Therapy. livello base e workshop di approfondimento (corso ECM)
Roma, 4° edizione Corso intensiv…
feb 20 – mag 30
Roma, 4° edizione Corso intensivo sulla Schema-Therapy. livello base e workshop di approfondimento (corso ECM) @ Scuola di Psicoterapia Cognitiva S.r.L. | Roma | Lazio | Italia
Il Corso Intensivo è riconosciuto dalla ISST International Society of Schema Therapy   Il ciclo di workshop da noi organizzato si rivolge a psicoterapeuti, laureati in [...]
Traumatizzazione, neurobiologia interpersonale e psicologia dello sviluppo: quali connessioni per la pratica clinica? (corso ECM)
Traumatizzazione, neurobiologia …
feb 20
Traumatizzazione, neurobiologia interpersonale e psicologia dello sviluppo: quali connessioni per la pratica clinica? (corso ECM) @ hotel S. Marco City Resort & SPA | Verona | Veneto | Italia
  DOCENTI: Susan Hart: Psicologa, Psicoterapia dell’Età evolutiva e supervisore. Vanta un’esperienza professionale pregressa in terapia familiare e psichiatria infantile e attualmente esercita la propria [...]
mar
21
sab
2015
Trauma e dissociazione nei disturbi somatoformi: implicazione per la psicoterapia del concetto di dissociazione somatoforme (corso ECM)
Trauma e dissociazione nei distu…
mar 21
Seminario GRATUITO  rivolto a professionisti e studenti psicologi, medici, psicoterapeuti e psichiatri. INTERVENGONO  Prof. Ellert Nijenhuis: Department of Psychiatry and Mental Health Drenthe, Assen, Olanda Dott. [...]
ago
31
lun
2015
45th Annual EABCT Congress
45th Annual EABCT Congress
ago 31 – set 3
45th Annual EABCT Congress @  International Conference Center, Jerusalem, Israel | Gerusalemme | Israele
    Cari amici e colleghi, Vi scrivo in relazione al prossimo congresso dell’EABCT, che si terrà a Gerusalemme dal 31 Agosto al 3 Settembre [...]

Vedi calendario

Disturbo Ossessivo
Disturbo Ossessivo
pubblicazioni
Pubblicazioni