Altri disturbi depressivi

Quali sono e come si manifestano?

481
Inoltra questo articolo via email

Descrizione

Oltre al disturbo depressivo maggiore (vedi sezione specifica) i disturbi depressivi diagnosticabili negli adulti includono anche:

  • Il disturbo depressivo persistente (distimia)
  • Il disturbo disforico premestruale
  • Il disturbo depressivo indotto da sostanze/farmaci o dovuto ad altra condizione medica presente o con altra o senza specificazione.

La caratteristica comune di tutti questi disturbi è la presenza di umore triste, vuoto o irritabile, accompagnato da modificazioni somatiche e cognitive che incidono in modo significativo sulla capacità di funzionamento dell’individuo.

Le differenze tra essi consistono nella durata, nella distribuzione temporale o nella presunta eziologia.

In particolare:

  • Il disturbo depressivo persistente o distimia rappresenta una forma di depressione più cronica in cui l’alterazione dell’umore ha una durata di almeno due anni, con la presenza dei sintomi tipici del disturbo depressivo maggiore.
  • Il disturbo disforico premestruale rappresenta una forma di disturbo depressiva specifica che comincia talvolta dopo l’ovulazione e si risolve entro pochi giorni dal ciclo mestruale e ha un marcato impatto sul funzionamento.
    Le caratteristiche essenziali della manifestazione di questo disturbo sono la labilità dell’umore, l’irritabilità, la disforia e sintomi d’ansia che si verificano ripetutamente durante la fase premestruale del ciclo e vanno incontro a remissione intorno all’insorgenza delle mestruazioni o poco dopo. Questi sintomi possono essere accompagnati da sintomi comportamentali e fisici. In generale la sintomatologia ha un effetto negativo sul funzionamento lavorativo o sociale della persona.
  • Il disturbo depressivo indotto da sostanze/farmaci o dovuto ad altra condizione medica caratterizzano fenomeni simil- depressivi associati all’uso di sostanze di abuso o alcuni farmaci e alla presenza di alcune condizioni mediche generali.

Per approfondimenti:

Come guarire? Le cause, la cura e il trattamento Che cos’è? Quali sono i sintomi? Quali sono le conseguenze?

CONDIVIDI