DSM 5: il manuale diagnostico sui disturbi mentali

515

Il DSM-5 è il manuale diagnostico e statistico sui disturbi mentali e nasce da oltre 10 anni di fatiche da parte di centinaia di esperti internazionali, che si occupano di tutti gli aspetti della salute mentale. L’obiettivo finale del volume è definire e classificare i disturbi mentali per ottenere migliori diagnosi e trattamenti e agevolare il lavoro di ricerca.

Il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali nella sua quinta edizione dsm è l’aggiornamento del precedente manuale del 2013, lo strumento tassonomico e diagnostico pubblicato dall’American Psychiatric Association (APA). Molto usato negli Stati Uniti, il manuale DSM 5 è la principale autorità per le diagnosi psichiatriche e anche le raccomandazioni terapeutiche e il pagamento da parte degli operatori sanitari sono determinati dalle classificazioni del DSM.

I principali cambiamenti della nuova versione DSM 5

Nella nuova edizione del DSM, anche denominata DSM 5, sono stati apportati notevoli cambiamenti come la riconcettualizzazione della sindrome di Asperger come disturbo diverso da quelli dello spettro autistico, l’eliminazione dei sottotipi di schizofrenia e l’inclusione del lutto come causa di disturbi depressivi. È stato aggiunto, inoltre, il disturbo di identità di genere tra quelli di disforia di genere e l’alimentazione incontrollata come disturbo alimentare discreto. Cambiamenti importanti riguardano anche il disturbo narcisistico di personalità, come si può leggere qui.

Infine, la nuova edizione del manuale DSM 5 distingue tra i disturbi non altrimenti specificati in altri disturbi specificati e disturbi non specificati.

Una curiosità? Per la prima volta il DSM usa un numero arabo al posto del numero romano del titolo DSM-5.

DSM-5: le tre sezioni che compongono il manuale

Il DSM 5 si suddivide in tre sezioni principali, vediamo brevemente di cosa tratta ciascuna di esse.

  • Sezione 1: descrive l’organizzazione dell’intero manuale e, rispetto alle versioni precedenti, è stato eliminato il capitolo sui disturbi dell’infanzia e adolescenza, che sono stati riportati in altri capitoli. La sezione introduttiva descrive il processo di revisione del dsm, voluta per armonizzare i sistemi ICD e condividere le strutture organizzative. In particolare la nuova versione del dsm sostituisce tutti i disturbi non altrimenti specificati o NOS con altri disturbi specificati o non specificati;
  • Sezione 2: si occupa dei disturbi del neurosviluppo, definendo il ritardo mentale come disabilità intellettuale oltre ad altre diverse modifiche nella definizione e categorizzazione di problematiche quali autismo, disturbi linguistici, disturbi motori, ma anche ansia, depressione e schizofrenia;
  • Sezione 3: questa parte del DSM-5 si occupa dei disturbi di personalità, basandosi su un modello ibrido dimensionale-categoriale alternativo per tali patologie, volto a incentivare ulteriori ricerche su tale sistema di classificazione.

Infine il nuovo DSM 5 ha eliminato il sistema multiassiale di diagnosi, elencando tutti i possibili disturbi nella sezione 2 e comprende il programma di valutazione sulla disabilità dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nella sezione 3.

In poche parole il DSM contiene per ogni disturbo mentale una breve descrizione delle caratteristiche del disturbo e della gestione psichica e ambientale dell’individuo per poter indicare i comportamenti sintomatici e relativi alla gestione delle emozioni o altri aspetti della vita psichica.

L’importanza della conoscenza del dsm

Anche per chi vuole rivolgersi ad uno psicoterapeuta può essere utile la conoscenza del DSM 5 per comprendere come, dietro alla terapia, esistano appositi protocolli per la cura di specifici disturbi.

È importante ricordarsi che ogni paziente è diverso dall’altro e ogni disturbo è differente per cui è necessario trovare la terapia più adatta per ogni individuo. Infine, proprio come per la malattia organica, sono necessari tempi di cura e ripresa differenti: i disturbi mentali devono quindi essere accettati dalla persona e trattati come una patologia con caratteristiche codificate.

È fondamentale non affidarsi al fai da te e affrontare i disturbi mentali il prima possibile perché le probabilità di guarire aumentano considerevolmente se affrontate con l’aiuto di un professionista e in una fase precoce.

Se ritieni di avere bisogno di uno specialista per te, un tuo familiare o un tuo conoscente clicca di seguito e contatta uno dei terapeuti associati.

Trova un terapeuta