Comprendere e curare la mente ossessiva

478
Inoltra questo articolo via email

VIDEO CHANNEL

APC SPC - Scuola di Psicoterapia Cognitiva
"Comprendere e curare la mente ossessiva"
Bari, 28 ottobre 2016

In occasione della pubblicazione del volume “La mente ossessiva” a cura di Francesco Mancini, edito da Raffaello Cortina, le Scuole di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva AIPC, APC e SPC presentano un Convegno dedicato ai più recenti contributi scientifici alla comprensione e al trattamento del DOC e rivolto a tutti coloro che si occupano di salute mentale.
In accordo con le ricerche epidemiologiche, si calcola che in Italia soffra di DOC circa un milione di persone e da tempo questa dolorosa forma di sofferenza emotiva è oggetto di ricerche sulle cause e sulla terapia.
Molti progressi sono stati compiuti negli ultimi anni e il Convegno è dedicato alla loro presentazione e discussione.

VIDEO CORRELATI:

Dr. ANDREA GRAGNANI - Identikit di una mente ossessiva: come riconoscerla
Prof. ALESSANDRO BERTOLINO - Rischio genetico e funzionamento cerebrale in psichiatria
Prof. FRANCESCO MANCINI - Nella mente ossessiva: scopi e credenze determinanti prossimi della sintomatologia
Dr. ANGELO MARIA SALIANI - Le relazioni familiari dei pazienti ossessivi
Dr.ssa ANNALISA BELLO - Il razionale e la progettazione del piano terapeutico
Dr. GIANLUIGI DELL' ERBA - CBT a breve termine per il DOC: componenti principali e riflessioni
Dr.ssa BARBARA BARCACCIA - L’accettazione del rischio e la sua pratica attraverso l’Esposizione con Prevenzione della Risposta (E/RP)
Prof. ANTONELLO BELLOMO - Terapia farmacologica del DOC
Dr. GIUSEPPE ROMANO, moderatore - Tavola Rotonda e conclusioni

In occasione della pubblicazione del volume “La mente ossessiva” a cura di Francesco Mancini, edito da Raffaello Cortina, le Scuole di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva AIPC, APC e SPC presentano un Convegno dedicato ai più recenti contributi scientifici alla comprensione e al trattamento del DOC e rivolto a tutti coloro che si occupano di salute mentale. In accordo con le ricerche epidemiologiche…..

CONDIVIDI