Bari, Teoria e clinica del perdono interpersonale: ricollocare il passato nel passato (corso ECM)

315
Inoltra questo articolo via email
Quando:
23 febbraio 2019–24 febbraio 2019 giorno intero
2019-02-23T00:00:00+01:00
2019-02-25T00:00:00+01:00
Dove:
c/o Rondò Hotel
Corso Alcide De Gasperi
308 Bari
Costo:
per il dettaglio scarica la locandina
Contatto:
Pietro Coletti
06/44361288

Corso rivolto a Specializzandi in Psicoterapia, Psicologi abilitati alla Psicoterapia, Medici Psicoterapeuti e Medici Psichiatri

È previsto l’accreditamento ECM (11,6 crediti) per le seguenti categorie professionali:

  • Psicologi abilitati alla Psicoterapia
  • Medici Psicoterapeuti
  • Medici Psichiatri

DOCENTE
Dott.ssa Barbara Barcaccia
Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Didatta delle scuole di specializzazione in Psicoterapia cognitivo-comportamentale APC e SPC. Insegna “Accettazione e mindfulness in psicoterapia” presso la Facoltà di Psicologia, Sapienza Università di Roma, Scuola di Specializzazione in Neuropsicologia e “Psicologia Clinica e gestione dello stress” presso l’Università degli Studi Roma Tre. È formatrice ACT e Istruttrice di protocolli basati sulla mindfulness (MBSR, MBCT).
È curatrice, con Francesco Mancini, del volume Teoria e Clinica del Perdono, Raffaello
Cortina Editore

PRESENTAZIONE

Introduzione
La letteratura scientifica comprende ormai una mole molto ampia di studi sul perdono. Le ricerche relative agli interventi sul perdono mostrano come essi contribuiscano alla cura di disturbi psicologici e alla promozione del benessere (Akhtar & Barlow, 2016; Elliot, 2015; Wade et al., 2014).
In particolare, numerosi studi clinici randomizzati controllati (RCTs) sull’efficacia di interventi centrati sul perdono hanno dimostrato che essi riducono ansia, rabbia e depressione in campioni clinici, come messo in evidenza da due importanti meta-analisi sull’efficacia di programmi e terapie centrate sul perdono (Akhtar Barlow, 2016; Wade et al., 2014), che dimostrano la loro efficacia non solo nel ridurre la depressione, l’ansia e la rabbia, ma anche nell’incrementare, oltre che al perdono, l’auto-efficacia, la speranza e la gioia.
Uno degli ostacoli che si debbono spesso affrontare in terapia, indipendentemente dalla specifica diagnosi presentata dal paziente, è rappresentato dal mancato superamento di ferite interpersonali (Macaskill, 2005). Ma gli interventi orientati al perdono hanno anche il potenziale di migliorare la qualità di vita, facilitare un impegno positivo nell’esistenza, e migliorare il benessere psicologico in tutte le fasi del ciclo vitale (Akhtar, Barlow, 2016; Chaves et al., 2015; Turner et al., 2017), obiettivi auspicabili in qualsiasi terapia.
In molte tipologie di disturbi mentali, alcuni dei problemi dei pazienti possono essere legati a tematiche relazionali irrisolte, a difficoltà nello stabilire rapporti duraturi, a incapacità a lasciar andare offese passate. In particolare, in pazienti con tratti di personalità patologici, ma anche
semplicemente con aspetti caratteriali problematici, lavorare sul perdono può consentire un punto di svolta importante del trattamento, ad es. perché il paziente continua a ruminare sulle ingiustizie passate e non riesce a investire le proprie energie per il raggiungimento di obiettivi significativi per la propria vita nel presente.

PROGRAMMA

SABATO 23 FEBBRAIO 2019 15.00-19.30
• Psicologia del perdono: definizione del costrutto. Cos’è e cosa non è il perdono.
• Due possibili reazioni alle offese gravi: vendetta ed evitamento. Effetti sul benessere psicologico.
• I modulatori del perdono: fattori cognitivi ed emotivi che possono incrementare o diminuire il perdono interpersonale.
• In quali disturbi mentali e situazioni di sofferenza esistenziale può essere rilevante il processo del perdono.

DOMENICA 24 FEBBRAIO 2019 09.00-12.30
• Il perdono come scelta e via d’uscita dalla sofferenza.
• Le fasi di elaborazione dell’offesa. Come intervenire quando il processo si è bloccato.
• Interventi sulla ruminazione rabbiosa e depressiva. Tecniche cognitive ed esperienziali di intervento.
• Benefici e rischi della terapia del perdono.

QUESTIONARIO ECM:
Domenica 24 febbraio 2019 ore 12.30-13.00

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
• Specializzandi AIPC/APC/SPC: Euro 50,00 iva inclusa
• Specializzati APC/SPC, soci sitcc Puglia: Euro 70,00 iva inclusa
• Psicoterapeuti e Psichiatri: Euro 90,00 iva inclusa

MODALITÀ D’ISCRIZIONE
Per iscriversi è necessario compilare la scheda online, allegando un breve curriculum, e versare contestualmente la quota di partecipazione entro il 16 FEBBRAIO 2019.
Il versamento deve avvenire tramite bonifico bancario sul conto intestato a Associazione Italiana di Psicoterapia Cognitiva srl, IBAN IT45O0538703202000002196716, causale “PERDONO BARI 2019”.

TUTOR DI TIROCINIO

Per questo evento sono previsti posti gratuiti riservati ai TUTOR di Tirocinio degli Allievi delle Nostre Scuole
scheda tutor

 

IN CASO DI RINUNCIA
NON È PREVISTO IL RIMBORSO DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE

Scarica la brochure di questo evento