Il disagio dei pazienti ossessivi di fronte ad espressioni facciali di rabbia e disgusto: risultati di una indagine preliminare

195
Inoltra questo articolo via email
Claudia Perdighe, Francesco Mancini, Francesca Micaela Serrani, Amelia Gangemi (2006): Il disagio dei pazienti ossessivi di fronte ad espressioni facciali di rabbia e disgusto: risultati di una indagine preliminare. In: Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, 12 ( 2), pp. 197-201, 2006.

Abstract

In questo articolo presentiamo i risultati di una ricerca preliminare tesa a controllare due ipotesi: la prima è che i pazienti ossessivi scelgono le espressioni di rabbia e disgusto come quelle capaci di metterli maggiormente a disagio, più spesso di quanto accade a pazienti con altri disturbi d’ansia. La seconda ipotesi è che i pazienti ossessivi, più spesso degli altri pazienti ansiosi, immaginano che, se si realizzassero i loro timori, allora si troverebbero di fronte ad una espressione di rabbia o disgusto.

Hanno partecipato allo studio 16 pazienti ossessivi e 22 pazienti ansiosi ma non ossessivi. Ai soggetti sono state presentate due serie di foto tratte dalla raccolta di Ekman. (1976): una serie includeva le foto di un volto femminile, sempre lo stesso, che esprimeva rabbia, paura, tristezza, disgusto, gioia, sorpresa e neutralità emotiva. L’altra serie era di un volto maschile che esprimeva le stesse emozioni. Ai soggetti veniva suggerito di immaginare che le espressioni fossero rivolte a loro, vale a dire di essere l’oggetto della espressione facciale. Per ciascuna serie si chiedeva ai soggetti di indicare le due foto che li mettevano maggiormente a disagio. Ai soggetti veniva suggerito, successivamente, di immaginare la realizzazione dei timori alla base della loro sintomatologia e poi gli si chiedeva se, nello scenario immaginato, sarebbero stati oggetto di una delle espressioni rappresentate nelle foto. I risultati sono compatibili con le ipotesi formulate.

BibTeX