Risultati preliminari sull’associazione tra stili di attaccamento e livelli di ormone della crescita in un campione di bambini affetti da deficit di crescita non organico

160
Marta Fojanesi, Mariana Gallo, Matteo Spaziani, Federica Russo, Martina Valentini, Francesco Saverio Bersani, Massimo Biondi, Antonio Radicioni (2018): Risultati preliminari sull’associazione tra stili di attaccamento e livelli di ormone della crescita in un campione di bambini affetti da deficit di crescita non organico. In: Rivista di Psichiatria, 53 (1), pp. 49-52, 2018.

Abstract

Introduzione. La riduzione dell’ormone della crescita (GH) in assenza di lesioni ipofisarie è una delle cause di bassa statura e della condizione clinica di deficit di crescita non organico, nota come “non-organic failure to thrive” (NOFTT). I progressi nell’ambito della psicologia dello sviluppo hanno messo in evidenza il ruolo delle emozioni e dei comportamenti del caregiver nell’organizzazione della personalità e della psicobiologia del bambino, considerando il legame di attaccamento madre-figlio come un’esperienza fondamentale nello sviluppo. Il presente studio preliminare si pone come obiettivo quello di valutare l’esistenza di correlazioni significative tra modelli di attaccamento e livelli di GH in un campione di soggetti affetti da NOFTT. Metodi. Sono stati arruolati nello studio 27 bambini (età media: 9,49±2,63) con NOFTT. La sicurezza della percezione di attaccamento è stata valutata attraverso la Scala di Sicurezza (SS) e le sottoscale inerenti il grado di sicurezza materna e paterna. La correlazione parziale di Pearson è stata usata per indagare le associazioni tra i livelli di GH e le misure SS, covariando per i fattori confondenti (ossia età, sesso e BMI). Risultati. In tutti i soggetti, il valore di GH era positivamente correlato in modo statisticamente significativo alla percezione della sicurezza generale (r=0,425; p=0,038) e della sicurezza materna (r=0,451; p=0,027) e non significativamente correlato con la sicurezza paterna (r=0,237, p=0,264). Discussione. Questi dati suggeriscono preliminarmente che l’associazione tra i livelli di GH e la sicurezza nella percezione dell’attaccamento possano svolgere un ruolo nella fisiopatologia del NOFTT, e si aggiungono al filone di evidenze inerenti il fatto che certi modelli di attaccamento possano essere associati a condizioni psico-endocrine specifiche.

BibTeX